Erboristeria casalingaΩ PRIMO PIANO

Aglio degli orsi, una maschera di bellezza contro acne e impurità

L’aglio degli orsi, o aglio orsino (Allium ursinum) cresce in abbondanza in aprile-maggio lungo fossi e fiumi, corsi d’acqua sia sulle nostre colline che nei rivi di pianura, ed è facilmente riconoscibile grazie alla fioritura abbondante e “profumata”. Deve il suo nome alla grande quantità con la quale si alimentano gli orsi bruni all’uscita dal letargo per rinvigorirsi ed equilibrare le difese immunitarie.

Nel nord dell’Europa è in assoluto una delle piante spontanee più usate, sin dal paleolitico, i bulbi, infatti, erano conosciuti per le loro proprietà medicamentose. Da noi se ne trova fortunatamente in abbondanza nonostante sia molto gradito anche ai cinghiali.

Oltre agli infiniti usi in cucina, qui vi proponiamo una maschera di bellezza particolare ma di sicura efficacia, senza alcun prodotto chimico-cosmetico di produzione industriale.

La grande semplicità di realizzazione è pari alla sua grande validità.

Come lo prepariamo

Si utilizza tutta la parte aerea della pianta: due abbondanti manciate di foglie fresche vanno tritate super fine (volendo è possibile utilizzare un cuttur elettrico da cucina avendo cura di raccogliere però tutto il liquido che andrà a formarsi per la “frullatura”). Unire poi il trito a circa 50 gr di yogurt naturale bio (meglio ancora se auto-prodotto) quindi applicarlo sul viso e collo per una maschera viso anti-acne ed impurità.

Questa pianta possiede infatti moltissime qualità, non ultima un grande potere antinfiammatorio ed antibiotico.

per chi cambia idea…

Qualora aveste passato da un po’ i tempi dell’acne, non c’è che da sbizzarrirsi con gli usi alternativi culinari dell’aglio degli orsi: frittate, minestre, insalata, pesto con mandorle e grana padano per condire pasta e riso, oli speziati per condire, ecc, ecc…

N. B. Abbiamo sempre nutrito un forte scetticismo nei confronti delle strombazzate proprietà miracolose delle erbe utilizzate come medicamenti. O meglio pensiamo che la farmacologia sia una scienza e come tale vada applicata da professionisti esperti e preparati.

Questa rubrica vuole quindi essere un breve sunto di quelli che sono chiamati i rimedi della nonna. Ma ai tempi delle nonne i problemi sanitari e la mortalità erano molto molto maggiori di oggi; quindi, lungi da averne nostalgia proponiamo qui alcune ricette erboristiche casalinghe che sfruttano proprietà certe e documentate delle erbe piemontesi. Del resto l’effetto placebo ormai vanta una lunga letteratura scientifica. Se poi con voi non dovessero funzionare… male non fanno.

(Ha collaborato Irene Moretta)

Alfredo Moretta

Alfredo Moretta (AlMor), classe 1974, piemontese di nascita e di cultura, anarchico e indisciplinato bastian contrario. Una vita pizzicata tra il nen bugè e la rivoluzione, tra le passioni e i doveri, tra gli studi storici e il lavoro di falegname degli avi. Accanito lettore, tra il medioevo e l'attualità, ama molto anche scrivere, di tutto un po', è il 2005 quando nasce l'AlMor vignettista che in collaborazione con Claudio Mellana, pubblica su diverse riviste on line. Nasce e cresce invece con lui la passione per la cucina tradizionale piemontese grazie alle donne di famiglia, che gli fanno capire da subito che "voler bene" significa "prendersi cura", e quale modo migliore se non con un buon piatto? Dagli avi apprende anche il piacere di andar per funghi ed erbe (anche se per loro era necessità). Completano il suo amore per la cucina qualche ardita libera invenzione.

Articoli correlati

Back to top button
error: Content is protected !!