ENOGASTRONOMIAΩ PRIMO PIANO

La torta monferrina, una leccornia a base di mele, zucca, amaretti e cacao

Vero e proprio tripudio di sapori, la torta monferrina è un dolce tipico della tradizione povera piemontese, una torta semplice e vestita degli ingredienti più rappresentativi dell’autunno: le mele, la zucca e le noci. Una ricetta della tradizione povera piemontese, preparata durante la stagione autunnale e per tutto il periodo invernale, non appena le zucche raccolte negli orti raggiungevano il giusto grado di maturazione. Ma da dove arriva tutto questo sapore? Beh, dalla zucca, ovviamente, uno degli ingredienti più affascinanti e comuni della cucina nostrana.

Alimento a basso contenuto calorico e ricco di nutrienti, la zucca, come tutti gli alimenti arancioni, ha un alto contenuto di caroteni, una sostanza usata dall’organismo nella produzione della vitamina A, importantissimo elemento antiossidante ed antinfiammatorio. Castellazzo Bormida, Moscata, Americana, Mantovana e di Piozzo: le varietà coltivate in Piemonte sono davvero tante, così come le ricette, che rendono questo frutto un vero e proprio must-eat della stagione autunnale.

La zucca è un elemento base della torta monferrina

Ecco qui una ricetta per portare anche voi, sulle vostre tavole, questo tipico dolce piemontese: buon appetito!

Ingredienti

  • 300 g di polpa di zucca
  • 80 g zucchero
  • 50 g amaretti secchi sbriciolati
  • 40 g cioccolato fondente in scaglie
  • 3 mele renette
  • 1/2 bicchiere latte
  • 1 cucchiaio cacao amaro in polvere
  • 1/2 limone la scorza grattugiata
  • 1 bustina vanillina
  • 2 cucchiai Rhum 1 uovo
  • una manciatina di pinoli
  • qualche noce sgusciata

Preparazione

Il primo passo nella preparazione della nostra “Torta Monferrina” parte dalla lavorazione delle mele: dopo aver sbucciato ed eliminato il torsolo alle nostre “renette”, affettiamolo sottilmente con l’aiuto di un coltello affilato. Fatto ciò, mettiamo il tutto in una pentola con 40g di zucchero ed un bicchiere d’acqua e cuociamo il tutto, mescolando costantemente, per non più di una decina di minuti.

Bene, lasciamo le mele da parte e dedichiamoci alla zucca; dopo averla tagliata in fette sottili, cuciamo anche lei in un bicchiere e mezzo di latte e 40g di zucchero per 15 minuti.

Fatto ciò, riuniamo in un’ampia ciotola gli ingredienti fino a qui lavorati, aggiungendo il cacao, la scorza di limone, gli amaretti pestati, l’uovo, il rhum – facoltativo per chi non apprezza il sapore forte dell’alcolico -, le noci ed i pinoli tritati; mescoliamo il tutto con perizia, aiutandoci con le mani, fino ad ottenere un composto omogeneo e ben amalgamato.

È ora di pensare alla cottura! Versiamo il composto appena preparato in una tortiera da crostata piuttosto ampia, precedentemente imburrata ed infarinata (un’alternativa alla farina può essere il pangrattato) così da evitare che la torta si attacchi ai bordi della teglia, e, dopo aver livellato il tutto con il dorso di un cucchiaio, inforniamo la nostra torta monferrina in forno statico preriscaldato a 160° per 50 minuti. Prima di togliere la torta dal forno verifichiamo bene la cottura con uno stuzzicadenti o con le dita: il dolce dovrà risultare combatto e sodo, ma comunque umido e soffice, assolutamente non secco.

Perfetto, la nostra “Torta Monferrina” è pronta! Serviamola fredda ai nostri ospiti, lucidandola col miele o, per i meno tradizionali, con una confettura a scelta. Un ottimo accompagnamento per questa ricetta può essere il Moscato bianco di Casorzo, vino tipico piemontese dal sapore dolce e gradevolmente aromatico.

Mirco Spadaro

Classe '98, rivolese di nascita, frequenta il corso di Lettere Antiche a Torino, sotto il simbolo della città. Tra viaggi e libri, è innamorato della tecnologia e della scrittura e cerca, tra articoli e post su siti e giornali online, di congiungere queste due passioni, ora nella sua "carriera" come scrittore, ora con il "popolo di internet".

Articoli correlati

Back to top button
error: Content is protected !!