ENOGASTRONOMIA

Sapori del vecchio Piemonte: risotto Castelmagno e nocciole

Tre ingredienti squisitamente piemontesi per un piatto originale e saporito proprio come la terra che lo contraddistingue. A partire dalle risaie di Vercellese e Novarese, dove si producono risi di grande qualità, apprezzati in tutto il mondo. Eppoi, il Castelmagno, un formaggio che si è guadagnato
la denominazione di origine protetta, prodotto nei territori della Valle Grana: Castelmagno, Pradleves e Monterosso. Infine, le classiche tonde gentilili delle Langhe, una varietà di nocciole Igp prodotte nel Basso Piemonte tra le province di Cuneo, Asti ed Alessandria. Un connubio che fa di questo piatto un piatto che difficilmente si troverà in ristoranti fuori dai confini regionali. Non difficile da preparare e per il quale occorrono cmplessivamente 40 minuti, di cui 20 di cottura.

Il Castelmagno grattugiato, formaggio a pasta semidura, conferisce sicuramente al piatto un sapore molto deciso, che viene completato con una spolverata di nocciole tritate grossolanamente.

Ingredienti (per 4 persone)

350 g di riso Carnaroli 
brodo vegetale q.b.
250 g di formaggio Castelmagno Dop
100 g di nocciole gentili delle Langhe
una cipolla bianca piccola
60 g di burro
un cucchiaio di miele
1/2 bicchiere di vino bianco
olio extravergine q.b.

Preparazione

Grattugiate il Castelmagno e mettetelo da parte, poi tostate le nocciole in una padella antiaderente o in forno ad una media temperatura. Quando le nocciole si saranno raffreddate, tritatele grossolanamente. Scaldate il brodo vegetale e mantenetelo caldo. In una casseruola fate rosolare la cipolla tritata finemente in 2/3 cucchiai d’olio e una noce di burro. Aggiungete il riso e fatelo tostare, poi bagnate con il vino bianco e lasciate che si consumi. A questo punto cominciate ad aggiungere il brodo caldo, mescolando sempre con un cucchiaio di legno. A metà cottura, aggiungete la metà del castelmagno grattugiato, continuando a mescolare e ad aggiungere i mestoli di brodo. A fine cottura, aggiungete il restante Castelmagno ed il miele, poi mantecate con il burro. Decorate con le nocciole tritate e, a piacere, un filo di miele.

Tempo di preparazione: 20 minuti
Tempo di cottura: 20 minuti
Tempo totale: 40 minuti

Articoli correlati

Back to top button
error: Content is protected !!